della naturopata Giuliana Papa  –

Per rafforzare il sistema immunitario bisogna assicurare al nostro organismo un buon apporto di vitamine immuno-protettive del gruppo B (tranne la B12) assumendo cereali integrali, legumi, semi oleosi, verdure, lievito fresco, germe di frumento.

La vitamina C, invece, si trova nella rosa canina fresca, nei peperoni dolci crudi, nel kiwi, nella rucola, nel tarassaco, nella fragola, nel cavolo rosso, nei frutti di bosco, negli agrumi, nelle foglie verdi di porri, cipollotti, spinaci, rucola, cicoria, malva, ortica.

Negli ortaggi e nei frutti giallo-arancio come zucca, carote, melone e albicocche troviamo invece il prezioso betacarotene. Il betacarotene infatti aiuta ad accrescere il numero delle cellule in grado di combattere le infezioni, supporta l’azione dei linfociti T e contribuisce all’eliminazione dei radicali liberi, favorendo i processi di depurazione dell’organismo e contribuendo a contrastarne l’invecchiamento. Il betacarotene si assimila meglio se associato ai grassi, ottimo l’olio extra vergine di oliva.

Anche i Sali minerali sono importanti, soprattutto ferro, zinco, selenio che si trovano nel lievito di birra fresco, tonno, aringhe, ostriche, molluschi, broccoli, germe di frumento, cipolla, cavolo, pomodoro, cereali integrali, semi oleosi, legumi, funghi, melassa, fichi secchi.

Non facciamoci poi mancare l’aglio crudo, schiacciato con lo spremi-aglio e condito con olio extra vergine di oliva; la scorza d’arancia al naturale, ovviamente biologica, ricchissima di vitamina E, così come la scorza di tutti gli agrumi, ricca di betacarotene ed essenze aromatiche; tutta la frutta fresca con la buccia colorata e, se li troviamo, i funghi shiitake, perfetti stimolanti immunitari. Essi contengono betaglucani, dei carboidrati complessi che migliorano l’attività del sistema immunitario contro le infezioni e contro il cancro, oltre a ridurre le allergie legate ad un cattivo funzionamento del sistema immunitario. I betaglucani sono inoltre contenuti nella crusca di avena e nell’avena integrale. Anche i semi oleosi forniscono betaglucani insieme alla vitamina E, al coenzima Q10, preziosi per l’effetto protettore sui linfociti. Questi composti si trovano in buone concentrazioni anche nei cereali integrali non privati del germe.

Una-due porzioni al giorno di cereali integrali (orzo, riso, frumento e farro, anche sotto forma di fiocchi), pari a circa 80-120 grammi e due-tre cucchiai di semi oleosi, aiutano anche a raggiungere un buon apporto di aminoacidi solforati, fondamentali per la regolazione della risposta immunitaria.

 

♥ UNA RICETTA PER TE!

Crema di broccoli con puntarelle all’arancia e alici      (per 6 persone)

Broccoli 1,9 kg, un cespo di puntarelle, 2/3 patate lessate, alici sott’olio, aglio, un’arancia (buccia e succo), noce moscata, finocchietto, peperoncino, olio evo, sale, pepe, scaglie di mandorle abbrustolite.

Pulire e sciacquare i broccoli e a crudo farli appassire in padella con aglio e peperoncino, (a piacere) sale. In una pentola sistemare i broccoli appassiti, le patate, le spezie, un poco di olio e acqua, o se si vuole brodo vegetale, a coprire e far cuocere per circa 30 minuti, se necessario aggiungere acqua. A cottura ultimata assaggiare, aggiustare il condimento, frullare per ottenere una crema fluida ed omogenea.

Pulire e tagliare sottilmente le cime di cicoria sistemarle in acqua con ghiaccio per farle arricciare; a parte tagliare a pezzettini le alici, possibilmente spremere l’aglio; grattugiare la buccia di una arancia e poi ottenerne il succo ed emulsionarlo con sale olio e pepe. Scolare le puntarelle e condirle con le alici, l’aglio, l’emulsione e la buccia grattugiata.

A questo punto siamo pronti per impiattare: versare la crema nei piatti fondi, al centro un gruppetto di puntarelle, sul tutto una spolverata di scaglie di mandorle e un filo di olio evo.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo e vuoi altri consigli?
Puoi contattare la Naturopata Giuliana Papa:
E-mail: papa.giuliana@libero.it